Conoscete il nostro Professore di storia Federico Fazio?

In occasione dell'apertura dell'Università di Storia Italiana, ho rivolto qualche domanda al nostro Professore di Storia Federico Fazio.

Nato nella splendida Capitale italiana nel 1998, ha vissuto in Italia fino ai suoi 11 anni quando, con la sua famiglia, si è trasferito a Mar del Plata. Ama i cani e lo sport, soprattutto la pallavolo che gioca fin da quando aveva 8 anni.

Versione in Spagnolo

Come sei arrivato in Argentina e cosa ti ha fatto rimanere qui?

Mi sono trasferito in Argentina per decisione dei miei genitori, la quale, sinceramente, non è stata ben accolta al momento ma tutto al contrario. Decisero questo Paese perché mio padre è argentino, ma ai suoi 20 anni andò a cercare una vita migliore in Europa, per questo motivo ho qui la maggior parte della mia famiglia dal lato paterno sembrava quindi una buona idea. In sostanza nel 2009 siamo venuti qui e siamo finiti per sistemarci nella città di Mar del Plata, a circa 400 chilometri a sud della capitale del Paese.

A dire il vero sono rimasto nel Paese per una questione di carriera universitaria. Avendo fatto tutto il percorso accademico qui in Argentina, l'idea è stata di rimanere, anche se, ad essere sinceri, non è mai sorta realmente l'idea di tornare nell'immediato perché sono molto felice qui, ma non scarto in un futuro di tornare a vivere a Roma, e se potesse essere per un lavoro relazionato alla storia ancora meglio.

Da dove nasce la tua passione per la storia?

Ho sempre letto molto, e non so se ha a che vedere con questo, ma tra una cosa e l'altra ho iniziato a leggere sempre più libri relazionati alla storia (che fossero novelle o qualcos'altro come manuali o riviste). Per fortuna a casa ne avevo di diversi. Altro fattore può essere che quando lasciai Roma, ho iniziato a vederla da più lontano e ad apprezzarla da un'altra prospettiva. Magari prima passavo davanti al Colosseo e non ci badavo perché ce l'avevo vicino, mentre adesso ne vedo una foto e mi emoziono. Dicono che per renderti conto delle cose devi perderle, no?

Altro fattore deve essere l'ambiente famigliare poiché i discorsi di politica e storia sono dei temi ricorrenti a tavola, soprattutto se si riuniscono mio padre e mio nonno.

Credo che tutte queste cose mi fecero accendere la miccia che divenne una passione per la storia e le scienze sociali in generale. Probabilmente se non stessi studiando Storia mi dedicherei a Scienze Politiche, Filosofia o Sociologia.


Cosa speri di trasmettere attraverso l'università di storia italiana?

Il mio obiettivo principale è quello di appassionare tutti quelli che entrano nell'Università di Storia Italiana, cercare di risvegliare una curiosità che li faccia sentire quasi scomodi. Mostrare come il passato può diventare una chiave di lettura per comprendere il presente da un'altra prospettiva. Far sì che chi ascolta termini l'attività con mille altre domande e che queste lo portino ad altrettante risposte e al doppio delle domande. Si tratta di un cammino che non finisce mai, e l'Italia è un territorio che abbonda di questo passato che, se visto dalla giusta angolazione, risulta essere appassionante e vivo. Perciò, se riuscissi a trasmettere anche solo un po' di tutto questo, avrò realizzato il mio obiettivo.

Quando lasciai Roma, ho iniziato a vederla da più lontano e ad apprezzarla da un'altra prospettiva

Giovane e appassionato, noi tutti di Il Valradicante gli facciamo i nostri migliori auguri, ansiosi di partecipare al primo seminario!

E voi? Già conoscevate il nostro professore di storia Federico Fazio?




Viví Italia, estés donde estés.

Seguinos en las Redes Sociales

La  mia vita Italiana
  • Facebook
  • Instagram
  • Pinterest
  • Twitter
Inicia una conversación con nosotros

Contacta la redacción si quieres publicar un evento para la comunidad italiana.

Inicia una conversación con nosotros

©2020 por Lamiavitaitaliana.org

Valle delle Radici la ciudad italiana virtual de todos los descendientes
La mia vita Italiana - La escuela de Italiano on line de Valle delle Radici
conversación activa