Muoiono gli ultimi due nazisti... liberi e senza fare un solo giorno di carcere

Due dei diretti responsabili delle stragi di Cefalonia e degli Appennini Tosco-Emiliano, oltre ad essere gli ultimi due nazisti processati e condannati in Italia scompaiono, lasciando dietro di sé una traccia di impunità e vergogna.

Versione in spagnolo

Chi erano questi criminali di guerra?

Alfred Stork e Wilhelm Karl Stark furono condannati in Italia all'ergastolo senza mai presentarsi in un tribunale, ammettendo i loro crimini solo nella sfera privata, senza avere il coraggio di ripeterlo davanti alle autorità competenti. Due criminali nazisti che massacrarono migliaia di militari e civili italiani sotto gli ordini diretti di Adolf Hitler, tra il '43 e il '44, quando il governo fascista di Mussolini già era caduto e l'Italia cessò di essere un alleato delle Potenze dell'Asse. Solo ora è di dominio pubblico che la loro vita è finita a 97 e 100 anni, trascorrendo i loro ultimi anni nell'anonimato e nel comfort delle loro case, in Germania.

Conoce la Historia Italiana: online, gratis y desde tu celular. Clases de historia italiana en Español y en Italiano

Dei peggiori crimini della Seconda Guerra Mondiale

È agghiacciante immaginarlo (e ancor di più scriverlo), visto che siamo tutti consapevoli delle atrocità commesse in quegli anni, ma è andata così e sta a noi raccontarla.

Nell'isola greca di Cefalonia e dopo la firma dell'armistizio che catapultò l'Italia "fuori" dalla guerra, le divisioni tedesche furono incaricate di giustiziare più di 5000 soldati e ufficiali italiani, in un vero e proprio massacro. Ciò che aggrava ulteriormente il crimine è che le vittime erano disarmate e indifese, il che risulta dai peggior crimini possibili in un conflitto armato. Stork è stato accusato e condannato per aver giustiziato 117 ufficiali italiani catturati dai tedeschi, ma come avevo anticipato, non si è mai presentato in tribunale, quindi non ha mai ammesso davanti a un avvocato le atrocità commesse.

Wilhelm Karl Stark, morto il 14 dicembre dello scorso anno, è stato reso colpevole di altre stragi naziste, questa volta sul territorio italiano (a Cervarolo, Mommio

e sul Monte Falterona), tra marzo e maggio 1944. Queste "operazioni" circoscritte (secondo il governo Hitler) in azioni di ritorsione contro i partigiani. Stark era solo uno degli imputati (l'unico rimasto in vita), ma comunque il governo tedesco non ha accettato la sua estradizione (poiché non ha accettato la maggior parte di queste richieste) per far si che la giustizia possa fare il suo corso.



Si chiude un capitolo?

Sarebbe ipocrita pensare che, con la morte di questi due criminali, si sia chiuso definitivamente uno dei capitoli più sanguinosi e raccapricciante nella storia mondiale. Ci vorrà del tempo per riuscire sanare una ferita profonda come quella che ha provocato la Seconda Guerra Mondiale, ma è un processo che continua il suo cammino grazie al lavoro di chi non ci permette di dimenticare, avvisandoci e facendoci riflettere non solo sul passato, ma anche il nostro presente e il suo futuro.

Con la scomparsa degli ultimi due nazisti processati, l'umanità continui ad aprire la via della verità, e a chiudere quella della vendetta in modo che, col tempo, potremmo capire gli errori e non commetterli ancora.

Viví Italia, estés donde estés.

Seguinos en las Redes Sociales

La  mia vita Italiana
  • Facebook
  • Instagram
  • Pinterest
  • Twitter
Inicia una conversación con nosotros

Contacta la redacción si quieres publicar un evento para la comunidad italiana.

Inicia una conversación con nosotros

©2020 por Lamiavitaitaliana.org

Valle delle Radici la ciudad italiana virtual de todos los descendientes
La mia vita Italiana - La escuela de Italiano on line de Valle delle Radici
conversación activa